8.2.07

OMAGGIO A TOMMASO CAMPANELLA (1568-1639) Teologo, filosofo e poeta italiano

Quello che segue è un brano tratto da "La Città del Sole" di Tommaso Campanella, brano che, a mio parere, rappresenta la più felice comparazione tra la società attuale del mondo, schiava dell'amor proprio, ed una possibile, anche se utopistica, società libera da esso.

"....Dicono essi che tutta la proprietà nasce da far casa appartata, e figli e moglie propria, onde nasce l'amor proprio; ché per sublimar a ricchezze o a dignità il figlio o lasciarlo erede, ognuno diventa o rapace publico, se non ha timore, sendo potente; o avaro ed insidioso ed ippocrita, si è impotente. Ma quando perdono l'amor proprio, resta lo [amore] commune solo".

English translation:

TRIBUTE TO TOMMASO CAMPANELLA (1568-1639) Italian theologian, philosopher and poet

The following is an excerpt from "The City of the Sun" by Tommaso Campanella, that, in my opinion, is a fortunate comparison between the present society of the world, slave of self-love, and a possible, although utopian, society free from it.


"......They say that all property arises from doing own home, and children and own wife. From this, self-love springs. And to raise a son to riches and dignities, or leave him heir, everyone becomes either public predator, if he has no fear, being powerful; or covetous and treacherous and hypocrite, if powerless. But when they lose self-love, only the mutual [love] remains". 



Traduzione in Ladino Cadorino:

Ho desiderato tradurre questo brano anche nella mia madrelingua, il ladino cadorino, nel mio Blog TESTIMONIANZE LADINE:

http://testimonianzeladine.blogspot.it/2016/04/recordo-de-tommaso-campanella.html